Tondo
Autori Laperquisiani
Scritto da cla   

Percorro tre volte il giro del palazzo prima di entrare in casa.

Mi fermo sotto il portone con il volto di chi non sa cosa può avvenire ma va avanti procrastinando se stesso quasi inutilmente.

Scopro sensazioni distaccate mentre fisso un’ombra particolare sul muro, fra la crepa e il selciato. E non saprei dire.

La chiave entra a stento, sa più di me quel che potrei sentire andando in alto.

Eppure vado, salgo ed apro ancora la porta in precedenza lasciata al di fuori della vista consueta.

Fosse stato per il turbine inascoltato avrei bloccato la corsa motrice delle mie gambe, come si afferra per mano la luce che si vuole fermare

 
 

Cerca