Home
Taviano (A mio padre)
Autori Laperquisiani
Scritto da cla   

Noi due a scolpire nel fiume

A battere contro la dura pietra nera

Fra il suono frusciante

continuo ed ossessivo che fa il Limentra

Fra i girini, la pozza e la cascata

Fra i necci impilati vicino al camino

E le nocciole crude e verdi

E l’odore della pietra bagnata

Le nostre matite spuntate

Su fogli ingialliti e consunti

Nella montagna, tra cielo e acqua

Il sapore della grafite sulle dita

I discorsi fatti sui pittori

Su Pazzagli, Loffredo e Fattori

E le trote pescate dalle tue mani

Sotto le pietre nascoste dal fiume

E io che rubo i tuoi colori

E vorrei rubarti il segno

Quel segno forte e raffinato

dei tuoi disegni e delle tue mani_

 
 

Cerca

Articoli a muzzo