Home Mappa rivoluzionaria di un uomo esente MANUALE PER VERI RIVOLUZIONARI (Nona parte)
MANUALE PER VERI RIVOLUZIONARI (Nona parte)
Mappa rivoluzionaria di un uomo esente
Scritto da beru   

Preambolo teorico:

E' importante estrapolare innanzitutto l'essenziale dalle analisi rivoluzionarie fin qui prodotte dall'umanità. Ma andando alla ricerca di tali principi l'uomo scopre di poter piangere di dolore per il reale e ridere di gioia per il possibile, rendendosi così anche conto di aver colto la scissione fondamentale.

L'elemento contraddittorio, cioè il principio logico, è l'unico elemento essenziale del rivoluzionario.

Si può ritenere, poiché ciò è in accordo con tutte le conoscenze, che l'essere umano è un essere sensibile, e dunque è identico ritenere  la sensibilità causa o effetto del principio logico.

"Sentire" la contraddizione non è infatti contraddittorio, poiché se così  fosse, l'uomo rivoluzionario non potrebbe esistere. Ma almeno un uomo rivoluzionario esiste e perciò esiste anche la contraddizione come dato sensibile.

 

Mappa geografica riassuntiva del rivoluzionario esente:

 

- L'uomo esente non capisce mai in termini di funzione in che parte funzionale del globo si trova. E' un estraniato e ha sempre bisogno d'illudersi di essere in nessun luogo.

- Non possiede una cosa che si chiama schema finché non è tranquillo

- Vive consapevolmente la contraddizione, interrogando l'uomo che ha di fronte

- Ha delle aperture notevoli così come chiusure repentine

- Così come si rende conto che un'organizzazione intorno a lui sta nascendo egli la elimina ipotizzando un'altra organizzazione, con un regresso all'infinito

- Accende e spegne la luce

- Se sottoposto ad impiccagione, non chiede scusa

- Da buon uomo, si dichiara, appena può, debole. Se intrattiene un discorso intorno alla morte apparente, non riesce a continuare se l'interlocutore non comprende l'assunto necessario della vita apparente.

- Se sottoposto ad impiccagione gli capita poi di sperimentare la morte apparente, non prova alcun desiderio di un uso "dimostrativo" di questa sua esperienza col precedente interlocutore.

- Solamente nell'ipotesi che una galassia ospiti un pianeta particolarmente adatto dal punto di vista amministrativo alle sue idee, prova una leggera aspirazione di potersi accomodare nella poltrona di direttore del Dipartimento di Autocomprensione ed Esenzioni.

- Luogo geografico preferito per la sua espressione energetica: 1017 bar o 154 kelvin.

 

 

Una volta ricevuta telepaticamente questa testimonianza di grande effetto e di certa utilità per l'umanità, vagamente stanco, insieme al diavolo maligno di Cartesio, m'addormentai sulla calda sabbia, visto che sia Antonomasia che il Relativista già se ne erano andati.

 

Leggi altri articoli di questo autore

 

Cerca